Giorgio Gaber – Le Mani Lyrics


[Strofa 1]
Un incontro civile fra gente educata
Che si alza in piedi e che si saluta
Un incontro un po’ anonimo reso più umano
Da una cordiale stretta di mano

Una mano appuntita, una mano un po’ tozza
Una mano indifesa che fa tenerezza
Una stretta di mano virile e fascista
Che vuol dire: non sono un pederasta!

Una mano un po’ timida, poco convinta
Tu parti deciso e lei ti fa la finta
Una mano furbetta da pubblicitario
Una mano pulita da commissario

Una mano a spatola che scatta nervosa
Un’altra suadente, un po’ troppo affettuosa
Una mano imprecisa, una squallida mano
Da socialdemocratico, da repubblicano

Una mano da artista, tortuosa e impotente
Una mano da orso, pelosa e ignorante
Una mano commossa di chi ha tanti guai
Una mano da piovra che non ti lascia mai

[Ritornello]
Un carosello inutile, grottesco e giocondo
In questa palla gigante che poi è il mondo!

[Strofa 2]
Un mondo di assurdi esseri umani
Un gioco abilissimo, un intreccio di mani
Ci comunichiamo così spudorati
Quando ci siamo affezionati

Mani educate di anziani signori
Mani abilissime di gente d’affari
Mani che ti lisciano con troppa simpatia
Con un tocco morboso che sa di sacrestia

[Ritornello]
Un festival viscido e nauseabondo
In questa grande famiglia che poi è il mondo!

[Strofa 3]
Mani di amici, di dottori, di insegnanti
Mani di attori, di divi, di cantanti
Mani di ministri che chiedono la fiducia
Mani sottili manovrate con ferocia

Mani bianchissime, schifose da toccare
Mani inanellate di papi da baciare
Mani scivolose di esseri umani
Mani dappertutto, tantissime mani

[Ritornello]
Le guardo, mi sommergo, annego e sprofondo
In questo lago di merda che poi è il mondo!